3 luglio: iniziano le emozioni

>>>> LUNEDI 3 LUGLIO 2017
16.00 CINEMA & STORIA LA SPIA CHE VENNE DAL NORD MATA HARI & CO
21.00 LILLI E IL VAGABONDO WALT DISNEY  

21.30 LA PRESA DI ROMA FILOTEO ALBERINI
21.40 NEL SEGNO DI ROMA GUIDO BRIGNONE
PRESENTA GIANNI AMELIO

Si inizia il pomeriggio di lunedì 3 luglio: “La spia che venne dal Nord: Mata Hari & Co.” è il titolo dell’incontro in cui il giornalista e scrittore Gianni Cipriani analizza il tema dello spionaggio politico. La sera dello stesso giorno saranno proiettati La presa di Roma e Nel segno di Roma: il primo dura meno di 10 minuti ed è il primo “kolossal” del cinema italiano, la ricostruzione della breccia di Porta Pia girata sui veri luoghi dell’evento. Il secondo (diretto da Guido Brignone e, in parte, da Michelangelo Antonioni) è un peplum, un film in costume ambientato nella città siriana di Palmira divenuta, in anni recenti, simbolo della lotta contro il terrorismo. Introdurrà la serata Gianni Amelio, grande regista da sempre appassionato del genere peplum. Restauri a cura della Cineteca Nazionale.

NOTE SUL RESTAURO La presa di Roma (1905) 
Di Filoteo Alberini durata della copia restaurata: 7′ Il restauro è stato effettuato dalla Cineteca Nazionale nel2005, presso il laboratorio cinefonico di Cinecittà Studiose Digitai, sulla base dei dupl icati negativi più antichi risalenti ag li anni ’30 e ritrovati negli archivi dell ‘Istituto Luce. L’acquisizione digitale ha favorito la riproduzione e l’inserimento del fotogramma “Ultima cannonata”, messo gentilmente a disposizione da Aldo Bernardini. Per le lavorazioni ci si è inoltre avvalsi della collaborazione del MoMa (Museum of Modern Art), del NFTVA (National Film & Television Archive), della Cinemateca Argentina, della Cineteca Italiana di Milano e del contributo di Sergio Raffaelli, Vittorio Martinelli, Michele Canosa e Giovanni Lasi. Il film è stato restaurato in occasione del suo centenario e presentato alla 19a edizione del Festival del Cinema Ritrovato di Bologna nel la sezione “Cento anni fa. l film del1905”.
filoteo

NOTE SUL RESTAURO Nel segno di Roma (1958)
di Guido Brignone e Michelangelo Antoniani durata della copia restaurata: 98′ Il restauro digitale è stato eseguito a cura della Cineteca Nazionale nel 2013 a partire dai materiali messi a disposizione dalla Movietime. Dopo la scansione in alta definizione, il grading, il digitai clea ring e la sincronizzazione audio, si è proceduto con il restauro digitale, l’archiviazione dei file scena e suono su LTO e con la realizzazione di OCP per D-Cinema. Le lavorazioni di restauro sono state realizzate presso il laboratorio Studio Cine di Roma, in collaborazione con Movietime e presentato all’ottava edizione del Festival Internazionale del Film di Roma.

6699
gianni-amelio

Condividi su: Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+