L’Istituto Luce un archivio tutto italiano

cropped-Luce.jpg

Un grande archivio a portata di clic… L’Istituto Luce, oggi Archivio Storico Cinecittà, la più antica istituzione pubblica italiana destinata alla diffusione cinematografica a scopo didattico e informativo del mondo, mette a disposizione gratuitamente una grande offerta digitale di contenuti: 70 mila filmati, dagli anni Dieci del Novecento a oggi e 400mila fotografie. https://www.archivioluce.com/2020/03/14/io-resto-a-casa-e-guardo-i-filmati-luce/
logoluce
Schermata Luce 1
Schermata Luce 2

Collegandosi al sito www.archivioluce.com si può navigare tra cinegiornali d’epoca, backstage di film italiani, documentari sulla storia dell’arte, cortometraggi comici del cinema muto, filmati sulla nazionale di calcio, cronache dal Giro d’Italia, momenti mitici delle Olimpiadi.

Schermata Luce 3

 

Libri per i 100 anni di Fellini

cropped-fellini.jpg

Una carrellata di libri da leggere per l’occasione del centenario della nascita di Federico Fellini, nato a Rimini il 20 gennaio 1920.

Testo fondamentale è la biografia di Tullio Kezich Federico Fellini, la vita e i film.
libro kezich

Fare un film è l’altro “classico” della bibliografia felliniana: ci sono i testi di La mia Rimini e altre testimonianze dirette del regista. Importante anche Io, Federico Fellini di Charlotte Chandler, la giornalista che ha seguito Fellini per quattordici anni e Sul cinema di Giovanni Grazzini.
libro fellini

Charlotte fellini

Grazzini

Pubblicati di recente L’Italia secondo Fellini di Goffredo Fofi, e Sotto il segno di Fellini di Paolo Fabbri. Da non dimenticare poi Lo sciamano di famiglia di Valerio Magrelli

tre libri

Tra le ristampe troviamo Carissimo Simenon. Mon cher Fellini, il carteggio tra il regista e lo scrittore francese che fu presidente di giuria a Cannes nel 1960 quando fu assegnata la Palma d’oro a La dolce vita.

simenon

I libri curati da Federico Fellini: recentemente è uscita la nuova edizione di Il libro dei sogni, a cura di Sergio Toffetti, e si può leggere come un romanzo Il viaggio di G. Mastorna, la sceneggiatura del film mai realizzato dal regista.

due libri fellini 2

Esce l’Alberto Sordi di Alberto Anile

cropped-sordipped-donne2.jpg

Cosa ci faceva Alberto Sordi a Milano a sedici anni? Cosa disse a Laurel & Hardy l’unica volta che li incontrò? Cosa fece davvero durante la guerra? Perché con Totò girò solo un film? Come doveva morire Nando Moriconi? Perché Fellini tagliò il suo cameo da Roma? Cosa c’era dietro il grido di Nanni Moretti in Ecce bombo? Che personaggio doveva interpretare nel film su Gladio? E, soprattutto, perché è uno dei nostri più grandi autori di cinema?

sordi

A queste domande cerca di rispondere il libro Alberto Sordi scritto da Alberto Anile, giornalista, critico e storico di cinema, per la Fondazione Centro Sperimentale e le Edizioni Sabinae, una biografia per tappe che è anche la riconsiderazione di un genio, delle sue bugie e delle sue verità. Un volume in larga parte basato sul Fondo personale dell’attore, ricco di documenti inediti e immagini mai viste, un evento editoriale degno dell’ormai prossimo centenario dalla nascita (15 giugno 2020).

Cine Monicelli nella Guida delle donne

londra

Attraverso quattro itinerari urbani, la guida “Donne+Narni” ci porta alla ri-scoperta della storia di Narni tra vicoli, palazzi e opere d’arte da una prospettiva spesso dimenticata. In 248 pagine, più di 300 immagini accuratamente scelte, ci accompagnano in un viaggio che restituisce voce e corpo alle donne attraverso storie orali, fiabe, miti e reperti archeologici.
Layout cop genn

fondaco

Una delle tappe dei quattro itinerari è il cinema Mario Monicelli, al numero 22 di via Vittorio Emanuele, già chiesa di San Salvato.  Dalla sua inaugurazione nel 1913, innumerevoli storie di donne si sono susseguite sullo schermo: grandi attrici che hanno avuto un ruolo fondamentale nell’affermazione del valore del cinema italiano nel mondo, e che sono riuscite, attraverso i loro personaggi, a comunicare l’esperienza femminile del tempo.

IMG_2408IMG_2358

Ma di fronte all’edificio in stile liberty è impossibile non riflettere su quanta disparità di genere ci sia ancora oggi nel mondo del cinema, come sottolineato nella Guida, che è possibile acquistare a Narni e a Narni Scalo. 

Narni presso: l’edicola di Piazza Garibaldi, la tabaccheria di Piazza Garibaldi, la tabaccheria di via Garibaldi, l’Osteria Il Fondaco, La Bottega del Giullare, la Cartolibreria in via Garibaldi e l’Infopoint in Piazza dei Priori.

A Narni Scalo presso: la tabaccheria Sorelle Giacinti in viale della Stazione, la tabaccheria Ricci Sonia in via Tuderte, la cartolibreria Clio in via delle Rose, la cartolibreria Solfaroli in via Tuderte e l’edicola di via Tuderte.