Donne + Narni + Cinema

cropped-londra-1.jpg

Il cinema Mario Monicelli di Narni in via Vittorio Emanuele n. 22, è una tappa di uno dei quattro itinerari urbani di cui si compone la guida-libro Donne+Narni”. Per dare forma al silenzio. Guida a storie e percorsi femminili della città, pubblicata a gennaio a cura del Comune di Narni. Itinerari che incrociano percorsi tematici come la maternità, il lavoro, la cittadinanza l’arte e la scrittura: un’esplorazione che rende visibili e fa parlare tutte le donne, e non solo le poche eccezioni che sono entrate nel pantheon maschile.Nella sosta davanti al cinema, la guida invita a riflettere sul fatto che nel cinema la disparità tra uomini e donne resta ancora alta, per la regia, la sceneggiatura, la produzione, e per tutti i mestieri (operatrici, foniche, direttrici di fotografia, compositrici di musica). Le donne sono invece la maggioranza nei settori del casting, del trucco e dei costumi. (Continua ingrandendo le immagini sotto riprodotte).

La pubblicazione è di 248 pagine, con più di 300 fotografie recuperate da archivi pubblici e privati. Oltre ai luoghi storici di Narni, ritraggono donne che hanno vissuto e vivono a Narni, o che hanno lavorato in città: operaie, contadine, artiste, scrittrici, casalinghe, suore, commercianti e madri.

La guida si può acquistare presso alcuni esercizi commerciali di Narni e Narni Scalo, o direttamente presso l’ufficio Pari opportunità del Comune di Narni (tel. 0744/747282).
Layout cop genn
Cinema Monicelli
Album

L’European History Moving continua

carlo2222

Dopo 5 giorni, sono tornati nelle rispettive scuole gli studenti e le studentesse che hanno partecipato all’incontro di Narni per il progetto European History Moving. Coordinati da insegnanti di storia e di inglese, nei cinque giorni di permanenza in città hanno lavorato in gruppi scambiandosi l’esperienza maturata sull’apprendimento della storia attraverso il cinema e sull’identità europea. Una giornata è stata dedicata alla visita agli Studios di Cinecittà a Roma.
22-novembre-2
22-novembre-1

Contributi importanti per il cinema

É iniziata la collaborazione delle volontarie e dei volontari per la realizzazione dell’edizione 2019 di Le vie del cinema. Si sono svolti incontri per ognuno dei settori scelti: supporto alle attività generali e alla segreteria organizzativa; collaborazione alla comunicazione e all’ufficio stampa; documentazione fotografica, video e instagram. Grazie a tutti coloro che amano il cinema.

Boni24x68
postip-5-jpeg

 

Cinema & Storia a Perpignan


ehm-perpignan

Si è svolto a Perpignan (Francia) il terzo incontro tra le scuole e le università che partecipano al progetto European History Moving, coordinato e gestito dal Comune di Narni. Nei cinque giorni di lavoro (3/8 giugno), le due Università di Volos (Grecia) e Motril (Spagna) hanno portato un contributo importante per la costruzione del video che le scuole superiori di Italia (Istituto Gandhi di Narni), Francia, Spagna, Grecia, Bulgaria, realizzeranno in vista dell’incontro di Narni, previsto dal 18 al 22 novembre 2019.
L’attenzione si è concentrata sul ruolo dell’arte e della cultura per rafforzare il sentimento di appartenenza all’Europa. L’arte è un linguaggio che non si ferma davanti alle frontiere, ma le scavalca. Il cinema è un linguaggio, ed è al tempo stesso uno strumento non solo per raccontare la storia dell’Europa, ma anche per affermare i principi di tolleranza e di rispetto delle diversità, che sono alla base della cittadinanza europea. – Le foto dell’incontro. Per il Comune di Narni hanno partecipato Mirella Pioli e Alessandro Fausti.

perpignan-2
perpignan-3

Sono stati quindi condivisi i contenuti principali del prossimo incontro a Narni: gli studenti e le studentesse (18 per ogni scuola) illustreranno il lavoro svolto nelle rispettive scuole su Cinema&Storia, e si confronteranno sul loro sentimento rispetto all’Europa, anche attraverso una loro esperienza diretta (un libro, un film, una canzone).

Il cuore del progetto è proprio lo scambio di buone pratiche, e rafforzare in questo modo l’identità europea utilizzando gli strumenti della storia e del cinema.