Tutti i numeri della XXIV edizione

Numeri rilevanti per una rassegna che si dedica da 24 anni alla proiezione di pellicole italiane restaurate

4.000 presenze complessive alle proiezioni dei grandi classici restaurati, 250 le bambine e i bambini che ogni sera hanno assistito alle proiezioni dei film di Walt Disney, 10 i film i proiettati (due ogni sera), 6 ospiti eccezionali tra registi ed esperti di cinema che insieme al direttore artistico Alberto Crespi hanno introdotto le proiezioni, tantissimi i media che hanno parlato della rassegna: questi in sintesi i numeri dell’edizione 2018 di Narni, le vie del cinema.

 Dalla prima edizione, l’obiettivo è stato quello di sensibilizzare il pubblico sull’importanza del restauro cinematografico, e di mantenere in vita il grande patrimonio del cinema italiano. In tutti questi anni la direzione artistica e la struttura organizzativa hanno mantenuto fede a questi impegni, proponendo la visione di 153 opere dell’arte cinematografica.

Anche per la XXIV edizione la collaborazione di volontarie e volontari ha consentito di ideare, organizzare e coordinare gli allestimenti, realizzare eventi collaterali, gestire l’informazione, mentre diverse realtà locali hanno contribuito direttamente con risorse economiche, oppure offrendo beni e servizi.

L’impegno continua. Si è già al lavoro per il prossimo anno perchè prendersi cura del destino del cinema, oltre ad essere un valore, è un impegno che va continuamente sostenuto con idee e risorse. Nel 2019 cadrà il 25° anniversario della manifestazione: una tappa importante che si cercherà di onorare con nuove idee e rinnovata passione.

Novecento Atto 2° / 27 luglio

NOVECENTO  / BERNARDO BERTOLUCCI
Venerdì 27 luglio ore 21.00

Sullo sfondo dei conflitti sociali e politici tra fascismo e comunismo degli anni ‘30, le strade degli amici Olmo e Alfredo, l’uno contadino l’altro possidente si separano.Mentre Olmo continua la lotta, Alfredo si chiude in se stesso. Solo nel 1945 con il processo ai padroni i due si ricongiungeranno. Fuori concorso al 29º Festival di Cannes,1976. Il dipinto che fa da fondo ai titoli di testa del film è Il quarto stato di Giuseppe Pellizza da Volpedo.

00000poster900

Il regista Gianni Amelio girò il documentarioBertolucci secondo il cinema”. Durante le riprese, iniziate il 2 luglio 1974, la troupe del film di Bertolucci sfidò più volte a calcio la troupe del film Salò o le 120 giornate di Sodoma, che Pier Paolo Pasolini stava girando nelle vicinanze. Il film si girò quasi tutto in Emilia, Fra Parma, Cremona Reggio Emilia e Modena. Il restauro di Novecento è stato realizzato con la supervisione del regista Bernardo Bertolucci e del direttore della fotografia Vittorio Storaro.

mv5bzge4mmnkmjetodu4zc00ytdjltg3zjgtndbmnwvhmgyyytg4xkeyxkfqcgdeqxvymta2odmzmdu-_v1_sy1000_cr0012311000_al_

Il compagno don Camillo / 25 luglio

IL COMPAGNO DON CAMILLO / LUIGI COMENCINI
Mercoledì 25 luglio ore 21.00
Presentano Christian Uva Università Roma 3
e don Davide Milani Presidente della Fondazione Ente dello Spettacolo

Al parco Bruno Donatelli, debuttano “Le vie del Cinema” con un film cult per gli italiani, l’ultimo di una saga fortunata, creata dallo scrittore Giovannino Guareschi e girato da Luigi Comencini nel 1965 a Brescello, un piccolo comune emiliano.

131c7752884c5471554acf1f5705a088

Cinquanta anni fa, il 22 luglio 1968, moriva Giovannino Guareschi noto ai più per aver dato vita al parroco don Camillo e il sindaco comunista Peppone. Hanno incarnato ed espresso un mondo ormai scomparso, che Guareschi stesso definiva Mondo Piccolo, idealmente paradigmatico della realtà rurale italiana del dopoguerra. Guareschi, oltre che popolare scrittore, è stato anche un personaggio eclettico: giornalista, fotografo, imprenditore agricolo, illustratore, attore e sceneggiatore.

giovannino_guareschi_legge_lunitacam

Un vero e proprio Museo dedicato a Peppone e don Camillo si puo’ visitare a Brescello in Emilia. Ben curato è gestito dalla Pro Loco, raccoglie numerosi cimeli e ricordi della saga di Don Camillo e Peppone cinematografico. A Brescello furono girati, dal 1951 al 1965, cinque film ispirati ai celebri personaggi di Giovannino Guareschi, interpretati sullo schermo da Fernandel e Gino Cervi. Nel piazzale antistante il museo è sistemato il carro armato che compare in una famosa scena di un film; la campana, che cadde su Peppone, pende da una trave sotto un porticato; il celebre Crocefisso parlante è conservato in una cappella laterale della chiesa di S. Maria Maggiore. Merita una visita.

Don Camillo e Peppone, Fernandel e Gino Cervi hanno hanno recitato in cinque episodi prodotti dalla Cineriz con tre registi eccellenti. 
> Don Camillo
 (regia di Julien Duvivier, 1952)
> Il ritorno di don Camillo (regia di Julien Duvivier, 1953)
> Don Camillo e l’onorevole Peppone (regia di Carmine Gallone, 1955)
> Don Camillo monsignore… ma non troppo (regia di Carmine Gallone, 1961)
> Il compagno don Camillo (regia di Luigi Comencini, 1965)

Alberto Crespi presenta la XXIV

Torna la selezione dei film restaurati. Come ogni anno, anche quest’edizione proporrà una ricca selezione di film di recente recupero proiettati ogni sera sotto le stelle, a partire dalle 21.00, sul grande schermo allestito nel Parco pubblico Bruno Donatelli di Narni Scalo e presentati da ospiti illustri. (Scarica il programma).
Locandina 2018_okay

Il filo rosso che lega le proposte di questa 24.ma edizione di Narni. Le vie del cinema è di fortissima attualità: come è nata, in Italia, la contrapposizione fra destra e sinistra che ha contraddistinto tutta la storia e la politica del dopoguerra? Ha ancora senso, oggi, questa distinzione? Sentiamo Alberto Crespi in una intervista presentazione. (Riprese di Patrizia Santangeli).