Lo spettacolo del cinema a Torino

cropped-cropped-Claudio-Risi.jpgOspitato alla Mole Antonelliana, il Museo Nazionale del Cinema è tra più importanti musei al mondo per la ricchezza del patrimonio e la molteplicità delle sue attività scientifiche e divulgative. Attraverso una presentazione spettacolare delle sue straordinarie collezioni, ripercorre la storia del cinema dalle origini ai giorni nostri, in un suggestivo itinerario interattivo.
Schermata 2020Tra le attività del Museo, anche quella di curare il restauro di film. Tra questi, proiettato nell’edizione 2019 di Le Vie del cinema, il film Maciste alpino (1916), un gioiello del muto italiano, straordinario “film nel film” dove la propaganda sulla Prima guerra mondiale riesce a diventare commedia. Per l’occasione, la colonna sonora è stata eseguita dal vivo dalla Filarmonica Città di Narni, con musiche originali del Maestro Angelo Bruzzese.

Il restauro del film è stato curato insieme alla Biennale di Venezia, ed è stato realizzato presso il laboratorio L’Immagine Ritrovata di Bologna. www.museocinema.it

27-vdc-6-jpeg
Maciste-alpino-06

Claudio Risi ci ha lasciati

cropped-Claudio-Risi.jpg

Claudio Risi, figlio maggiore di Dino Risi, si è spento improvvisamente il 26 aprile. È stato per anni aiuto-regista di fiducia del padre in film come Profumo di donna, Telefoni bianchi, La stanza del vescovo, Caro papà. Molto attivo in televisione, ha diretto il fortunatissimo serial Ragazzi della Terza C. Il suo miglior film per il cinema è Pugni di rabbia (1991), un ruvido affresco sul mondo della boxe. Insieme al fratello Marco Risi era stato nel 2009 a Le vie del cinema in occasione della cerimonia di intitolazione di una piazza di Narni Scalo a suo padre Dino, e per presentare il film I mostri.

Claudio e Marco Risi
3c

Da Milano la “Cineteca Italiana”

cinetecamilano copia

La Cineteca Italiana è un’istituzione archivistica privata che ha sede a Milano. Fondata nel 1947, custodisce oltre 20.000 film e più di 100.000 fotografie della storia del cinema italiano e internazionale, ed è uno dei più importanti archivi di film muti d’Europa.
Ora è possibile vedere in streaming i propri tesori (www.cinetecamilano.it). La Cineteca Italiana è anche attiva nel restauro delle pellicole. Uno dei restauri che è stato realizzato con il suo contributo ha riguardato il film d’animazione I fratelli Dinamite di Nino Pagot, proiettato durante l’edizione 2006 di Le Vie del cinema. A presentarlo fu suo figlio Marco.

fond Milano

poster fratelli dinamite

 

Fratelli Pagot
Nino Pagot, insieme al fratello più giovane Toni, ha fondato nel 1946 il primo studio d’animazione italiano. Tra i personaggi più noti creati dallo studio per la televisione, e in modo particolare per la pubblicità di Carosello, Calimero, Joe Condor e il draghetto Grisù.

Il cinema “Ritrovato” fuori sala

De seta-csc
La Fondazione Cineteca di Bologna, una delle più importanti cineteche europee, propone ogni giovedì piccole perle di cinema conservate nei propri archivi. Questo cinema ritrovato fuori sala ha messo già in rete cinque documentari del regista Vittorio De Seta restaurati da Cineteca di Bologna e The Film Foundation (www.cinetecadibologna.it).
In questi corti De Seta racconta un mondo arcaico cristallizzato nel tempo, un’Italia del lavoro, intrisa di mare, terra e musica, che rischia di essere schiacciata dal boom economico del periodo a cavallo tra gli anni ’50 e ’60.

de seta 6543

vittorio-de-seta

Del regista  De Seta Le vie del cinema hanno proiettato nel 2011 il film Diario di un maestro, restaurato propria dalla Cineteca di Bologna. È venuto a presentarlo la regista e sceneggiatrice Alice Rohrwacher.

narni +De Seta