Da Milano la “Cineteca Italiana”

cinetecamilano copia

La Cineteca Italiana è un’istituzione archivistica privata che ha sede a Milano. Fondata nel 1947, custodisce oltre 20.000 film e più di 100.000 fotografie della storia del cinema italiano e internazionale, ed è uno dei più importanti archivi di film muti d’Europa.
Ora è possibile vedere in streaming i propri tesori (www.cinetecamilano.it). La Cineteca Italiana è anche attiva nel restauro delle pellicole. Uno dei restauri che è stato realizzato con il suo contributo ha riguardato il film d’animazione I fratelli Dinamite di Nino Pagot, proiettato durante l’edizione 2006 di Le Vie del cinema. A presentarlo fu suo figlio Marco.

fond Milano

poster fratelli dinamite

 

Fratelli Pagot
Nino Pagot, insieme al fratello più giovane Toni, ha fondato nel 1946 il primo studio d’animazione italiano. Tra i personaggi più noti creati dallo studio per la televisione, e in modo particolare per la pubblicità di Carosello, Calimero, Joe Condor e il draghetto Grisù.

Il cinema “Ritrovato” fuori sala

De seta-csc
La Fondazione Cineteca di Bologna, una delle più importanti cineteche europee, propone ogni giovedì piccole perle di cinema conservate nei propri archivi. Questo cinema ritrovato fuori sala ha messo già in rete cinque documentari del regista Vittorio De Seta restaurati da Cineteca di Bologna e The Film Foundation (www.cinetecadibologna.it).
In questi corti De Seta racconta un mondo arcaico cristallizzato nel tempo, un’Italia del lavoro, intrisa di mare, terra e musica, che rischia di essere schiacciata dal boom economico del periodo a cavallo tra gli anni ’50 e ’60.

de seta 6543

vittorio-de-seta

Del regista  De Seta Le vie del cinema hanno proiettato nel 2011 il film Diario di un maestro, restaurato propria dalla Cineteca di Bologna. È venuto a presentarlo la regista e sceneggiatrice Alice Rohrwacher.

narni +De Seta

Ricordiamo Lucia Bosè

cropped-Lucia bose

Ricordiamo Lucia Bosè, nata nel 1931 come Lucia Borloni. Una vita dedicata al cinema, attrice amata da registi come Giuseppe De Santis, Luchino Visconti, Michelangelo Antonioni. Ebbe modo di frequentare personalità di rilievo, come Pablo PicassoLuchino ViscontiErnest Hemingway, Orson Welles, Jean Cocteau.

Con lei protagonista, nel corso degli anni Le Vie del cinema hanno proiettato i film Le ragazze di Piazza di Spagna di Luciano Emmer, Roma ore 11 e Non c’è pace tra gli ulivi di Giuseppe De Santis.

Libri per i 100 anni di Fellini

cropped-fellini.jpg

Una carrellata di libri da leggere per l’occasione del centenario della nascita di Federico Fellini, nato a Rimini il 20 gennaio 1920.

Testo fondamentale è la biografia di Tullio Kezich Federico Fellini, la vita e i film.
libro kezich

Fare un film è l’altro “classico” della bibliografia felliniana: ci sono i testi di La mia Rimini e altre testimonianze dirette del regista. Importante anche Io, Federico Fellini di Charlotte Chandler, la giornalista che ha seguito Fellini per quattordici anni e Sul cinema di Giovanni Grazzini.
libro fellini

Charlotte fellini

Grazzini

Pubblicati di recente L’Italia secondo Fellini di Goffredo Fofi, e Sotto il segno di Fellini di Paolo Fabbri. Da non dimenticare poi Lo sciamano di famiglia di Valerio Magrelli

tre libri

Tra le ristampe troviamo Carissimo Simenon. Mon cher Fellini, il carteggio tra il regista e lo scrittore francese che fu presidente di giuria a Cannes nel 1960 quando fu assegnata la Palma d’oro a La dolce vita.

simenon

I libri curati da Federico Fellini: recentemente è uscita la nuova edizione di Il libro dei sogni, a cura di Sergio Toffetti, e si può leggere come un romanzo Il viaggio di G. Mastorna, la sceneggiatura del film mai realizzato dal regista.

due libri fellini 2