27 luglio Maciste Alpino

22 LUGLIO 2019 MACISTE ALPINO 1916 / LUIGI MAGGI E LUIGI R. BORGNETTO
maciste

Introdurrà la proiezione lo scrittore e sceneggiatore Salvatore De Mola. La colonna sonora sarà eseguita dal vivo dalla Filarmonica Città di Narni con Musiche originali del Maestro Angelo Bruzzese.

locandina-banda
23 maggio 1915: una troupe dell’Itala Film che sta girando in un paesino austriaco di confine è arrestata. Maciste organizza una fuga verso il castello di Pratolungo, abitato da Giorgio Lanfranchi, patriota italiano. Maciste, pugno pesante e cuor d’oro, si unisce a lui e ai suoi amici, passa il confine, si arruola in un battaglione di alpini e ricomincia a fare il castigamatti dei “mangiasego” austriaci.

Restauro digitale realizzato dal Museo Nazionale del Cinema di Torino.

Curiosità dal Set
Maciste Alpino è stato selezionato per il  Premio Venezia Classici per il miglior film restaurato. Il personaggio forzuto nacque grazie a Giovanni Pastrone regista di Cabiria. Il film diede un enorme successo in Italia e all’estero a Bartolomeo Pagano ex scaricatore di porto, ligure. Fu uno degli attori cinematografici italiani più pagati degli anni venti. Per motivi di salute abbandonò presto l’attività di attore. Il nome Maciste si deve a Gabriele D’Annunzio che creò così un neologismo d’uso ancor oggi.

25 luglio Miseria e Nobiltà

25 LUGLIO 2019 MISERIA E NOBILTÀ 1952 / MARIO MATTOLI
miseria

Introdurrà il critico di cinema Enrico Magrelli e il responsabile restauri del CSC- Cineteca Nazionale Sergio Bruno. 

Due giovani, di diversa estrazione sociale, per potersi sposare escogitano un trucco: lui si presenta al pranzo di fidanzamento con falsi parenti raccattati tra i poveracci del quartiere. Nonostante il fallimento dell’espediente, i due innamorati raggiungono lo scopo che si erano prefissati… Il film è tratto dall’omonima commedia di Edoardo Scarpetta. 

Miseria e nobiltà è stato restaurato da CSC-Cineteca Nazionale in collaborazione con Movietime srl e con la Fondazione Film Commission Campania, a partire dai negativi nitrato scena e colonna. Il film è stato scansionato in 4K e poi restaurato digitalmente.

Curiosità dal set:
Con Miseria e Nobiltà Totò volle assieme al regista Mattoli celebrare la grandezza del comico e commediografo Eduardo Scarpetta riproponendo sul grande schermo le sue commedie più riuscite. Questi film, come Miseria e Nobiltà sono tutti a colori: Un turco napoletano del 1953 (dalla farsa Nu turco napulitano) e Il medico dei pazzi del 1954 (dalla commedia O miedeco d’e pazze).

24 luglio Il portiere di notte

24 LUGLIO 2019 IL PORTIERE DI NOTTE 1972 / LILIANA CAVANIthe-night-porter-il-portiere-di-notte-vintage-movie-poster-original-italian-4-foglio-55x78-6510

Presenterà il film la scrittrice Valeria Viganò

Lucia Altherton, sposata ad un musicista americano ed ex deportata ebrea, giunge nel 1957 in un albergo viennese, dove svolge mansioni di portiere di notte Max Altdorfer, suo aguzzino nei campi di sterminio. L’incontro scatena nella prima tragici ricordi, nel secondo ossessioni mai sopite. Sapendo che la donna è una teste per lui pericolosa, Max si licenzia e si barrica con lei nel suo appartamento.
Il restauro è stato realizzato in collaborazione dal Centro Sperimentale di Cinematografia-Cineteca Nazionale e dall’Istituto Luce-Cinecittà.

Curiosità dal set:
La regista Liliana Cavani ha realizzato il film dopo aver girato per la RAI diversi documentari sulle vittime dei lager. Sceneggiato con Italo Moscati, e con le musiche dal Flauto magico di W. A. Mozart.

23 luglio San Michele aveva un gallo

23 LUGLIO 2019 SAN MICHELE AVEVA UN GALLO 1972 / FRATELLI TAVIANItaviani-sanmichele

Ad introdurlo saranno il regista Paolo Taviani e lo scrittore Andrea Carraro
gallo

L’anarchico Giulio Manieri, a causa di un’impresa mal riuscita, viene condannato a morte, pena poi commutata in ergastolo. Nella sua cella riempie il tempo parlando da solo, immaginando dibattiti politici, assistendo alla vittoria della rivoluzione. Dopo dieci anni, durante un trasferimento in Laguna, incontra fugacemente altri sovversivi condannati e riesce a parlare con loro. Rendendosi conto che il suo idealismo è ormai fuori dal tempo, preferisce annegarsi. Il film è stato presentato al Forum del Festival di Berlino, alla Quinzaine des Réalisateurs del Festival di Cannes e alle Giornate di Cinema della Mostra del cinema di VeneziaRestauro digitale realizzato dalla CIneteca Nazionale.

Curiosità dal set: Il film ha avuto una vicenda produttiva e distributiva tormentata. Prodotto nel 1972 con un budget molto ridotto, è uscito nelle sale cinematografiche italiane solo quattro anni dopo. È il terzo dei quattro film dei Taviani interpretati da Giulio Brogi, dopo I sovversivi (1967) e Sotto il segno dello scorpione (1969) e prima di Il prato (1979).