XXV anni di “Cinema & Storia” a Narni

Siamo alla venticinquesima edizione! É un traguardo davvero importante: sono 25 anni dedicati al Cinema, alla sua storia, ai suoi maestri e al restauro di capolavori italiani.Per l’occasione abbiamo stampato un opuscolo che racchiude la nostra storia con testi e immagini. Un racconto dedicato al pubblico che ci segue, e a tutti e tutte coloro che ne vorranno fare un uso di studio e di documentazione. La pubblicazione di 48 pagine è ricca di fotografie ed episodi. Si potrà chiedere all’ingresso del parco Bruno Donatelli a Narni Scalo, a partire dal 22 luglio, prima serata di “Narni, le vie del cinema”, oppure alla segreteria organizzativa della manifestazione, telefonando al numero 0744 747282. – Da oggi è anche disponibile online (Link per il download della pubblicazione completa in pdf)
ed-img10087144-990x873
Il cinema “ricrea la vita in movimento, la esalta”. A 25 anni dalla sua nascita, “Le vie del cinema” tengono ancora viva la celebre espressione di Fellini, che intendeva il cinema come “modo di raccontare una storia”. Con la proiezione di film italiani (e non solo) restaurati, il Festival di Narni Scalo ha, infatti, cercato di raccontare l’Italia attraverso i film, creando un evento inedito che congiunge storia e cinema. Inoltre, dal 2013, nel Parco Bruno Donatelli, è presente un secondo schermo, dove vengono proiettati film d’animazione anch’essi restaurati. Così Narni si propone di “allevare il pubblico di domani” attraverso l’esperienza di visione collettiva, in cui i bambini possono diventare per la prima volta “pubblico” e condividere fra loro le proprie emozioni. É proprio questo il fulcro del Festival: riscoprire il rito e la magia della visione collettiva, in questo caso all’aperto e gratuita per un pubblico esigente. Seguono alcune pagine dell’opuscolo. (Link per il download della pubblicazione completa in pdf)

0002

0004
0005

0006
0007
0008
0009
00010


3 > 8 luglio. Film e attività della XXIII

Il Sindaco Francesco De Rebotti e il direttore artistico Alberto Crespi  hanno presentato la XXIII edizione di “Narni, le vie del cinema”. La manifestazione è organizzata dal Comune di Narni. Filo rosso della rassegna sarà il rapporto “Cinema & Storia” . Oltre alle tradizionali serate all’aperto nel parco pubblico di Narni Scalo, dedicate a classici italiani restaurati, si terranno nel pomeriggio a Narni sei lezioni  imperniate su un centenario epocale: il 1917. Storici di prestigio, affiancati da Alberto Crespi e Angelo D’Orsi, parleranno della prima guerra mondiale e della rivoluzione d’ottobre, ma anche di Mata Hari e del ruolo delle spie nella storia, dei segreti di Fatima e del loro uso politico, sempre usando spezzoni di film famosi a sostegno della narrazione storica. Il programma generale è nel file scaricabile in pdf. Oltre allo schermo gigante principale, nel Parco Bruno Donatelli sarà allestita la zona dei bambini e delle bambine con giochi e proiezioni serali di film d’animazione classici di Walt Disney, restaurati.

Dalle 19,30 sarà in funzione il “Ciak” un ristorante gestito dall’associazione “Narni Insieme”, con menu ispirati ai film della serata. Il progetto di allestimento degli spazi della rassegna è stato curato dal “Master di 2° livello Pares” dell’Università di Roma Sapienza.

Seguiteci sul sito e sui network per scoprire tutte le novità di questa estate 2017, dal 3 all’8 luglio 2017, all’insegna di Cinema & Storia– Segui il programma dei film, giorno per giorno, sul sito e sui network, oppure clicca, ingrandisci o scarica la documentazione:
– Scarica il Manifesto 2017
– Scarica la sintesi delle attività, 2017
– Scarica il pdf della locandina
– Scarica il pdf della brochure
infografica2017

sintesistoria

– Il sindaco Francesco De Rebotti e il direttore Alberto Crespi. (Foto di Susanna Salamone)

Locandina 24x68 2017

Venerdi 23 si presenta il programma

Venerdì 23 giugno 2017 ore 12,00 presso la sala consiliare del Palazzo Comunale di Narni si svolgerà la conferenza stampa di presentazione della XXIII edizione di “Narni, le vie del cinema – Rassegna del film restaurato”. Presentano il programma con tutti gli eventi collaterali il sindaco di Narni Francesco De Rebotti,  Giuliano Montaldo e Alberto Crespi, storici e appassionati direttori artistici della manifestazione.

 – Alleghiamo l’invito.

conferenzaxxiii

Tutti i numeri della XXII edizione

3.000 i partecipanti alle proiezioni dei grandi classici restaurati, 1.000 le bambine e i bambini che hanno assistito alle proiezioni dei film di Walt Disney, 12 i film i proiettati (due ogni sera), 6 ospiti eccezionali tra registi, esperti di cinema e produttori che insieme al direttore artistico Alberto Crespi hanno introdotto le proiezioni, 56 i media che hanno parlato della rassegna: questi in sintesi i numeri dell’edizione 2016 di “Narni. Le vie del cinema”.

Numeri rilevanti per una rassegna che si dedica da ben 22 anni, per sei giornate consecutive. esclusivamente alla proiezione di pellicole italiane restaurate. Inaugurata nel 1995, la rassegna si è posta come obiettivo di sensibilizzare il grande pubblico sull’importanza del restauro cinematografico, e per mantenere in vita il grande patrimonio del cinema italiano. In tutti questi anni la direzione artistica e gli organizzatori hanno sempre mantenuto fede a questi impegni attraverso un’attenta selezione delle 141 opere proiettate, anche grazie al coinvolgimento di esperti di cinema e di restauro cinematografico.sequenzafilm

Nel tempo l’iniziativa è cresciuta: accanto alla sezione principale è sorta la sessione dedicata alle proiezioni per i più piccini dei classici restaurati di Walt Disney, e moltissime sono le iniziative collaterali che accompagnano le proiezioni. Anche per la XXII edizione decine di volontarie e volontari hanno consentito di ideare, organizzare e coordinare gli allestimenti, realizzare eventi collaterali, gestire l’informazione, mentre tante realtà locali hanno contribuito con risorse economiche, oppure offrendo beni e servizi. L’impegno continua. Si è già al lavoro per il prossimo anno, perché prendersi cura del destino del cinema, oltre ad essere un valore, è un impegno che va continuamente sostenuto con idee e risorse. Un impegno da cui nessuno e nessuna si deve sentire escluso!