27 luglio Maciste Alpino

22 LUGLIO 2019 MACISTE ALPINO 1916 / LUIGI MAGGI E LUIGI R. BORGNETTO
maciste

Introdurrà la proiezione lo scrittore e sceneggiatore Salvatore De Mola. La colonna sonora sarà eseguita dal vivo dalla Filarmonica Città di Narni con Musiche originali del Maestro Angelo Bruzzese.

locandina-banda
23 maggio 1915: una troupe dell’Itala Film che sta girando in un paesino austriaco di confine è arrestata. Maciste organizza una fuga verso il castello di Pratolungo, abitato da Giorgio Lanfranchi, patriota italiano. Maciste, pugno pesante e cuor d’oro, si unisce a lui e ai suoi amici, passa il confine, si arruola in un battaglione di alpini e ricomincia a fare il castigamatti dei “mangiasego” austriaci.

Restauro digitale realizzato dal Museo Nazionale del Cinema di Torino.

Curiosità dal Set
Maciste Alpino è stato selezionato per il  Premio Venezia Classici per il miglior film restaurato. Il personaggio forzuto nacque grazie a Giovanni Pastrone regista di Cabiria. Il film diede un enorme successo in Italia e all’estero a Bartolomeo Pagano ex scaricatore di porto, ligure. Fu uno degli attori cinematografici italiani più pagati degli anni venti. Per motivi di salute abbandonò presto l’attività di attore. Il nome Maciste si deve a Gabriele D’Annunzio che creò così un neologismo d’uso ancor oggi.

22 > 27 luglio Cinema + Storia a Narni

Dal 1995 Le vie del cinema sono un viaggio nella storia dell’Italia attraverso i capolavori del cinema. Anche la XXV edizione, che si svolgerà dal 22 al 27 luglio 2019, terrà viva la memoria dell’arte cinematografica proponendo sei film restaurati che ripercorrono la storia d’Italia e d’Europa. É un percorso parallelo al progetto European History Moving che cerca di rafforzare il sentimento di appartenenza all’Europa attraverso l’arte e la cultura. Attraverso le loro opere restaurate, i registi che  daranno vita alla manifestazione di quest’anno saranno, in ordine alfabetico: Liliana Cavani, Giuseppe De Santis, Luigi Maggi, Mario Mattoli, Alberto Sordi, Luigi Borgnetto, Paolo e Vittorio Taviani.

registi-2019