Libri per i 100 anni di Fellini

cropped-fellini.jpg

Una carrellata di libri da leggere per l’occasione del centenario della nascita di Federico Fellini, nato a Rimini il 20 gennaio 1920.

Testo fondamentale è la biografia di Tullio Kezich Federico Fellini, la vita e i film.
libro kezich

Fare un film è l’altro “classico” della bibliografia felliniana: ci sono i testi di La mia Rimini e altre testimonianze dirette del regista. Importante anche Io, Federico Fellini di Charlotte Chandler, la giornalista che ha seguito Fellini per quattordici anni e Sul cinema di Giovanni Grazzini.
libro fellini

Charlotte fellini

Grazzini

Pubblicati di recente L’Italia secondo Fellini di Goffredo Fofi, e Sotto il segno di Fellini di Paolo Fabbri. Da non dimenticare poi Lo sciamano di famiglia di Valerio Magrelli

tre libri

Tra le ristampe troviamo Carissimo Simenon. Mon cher Fellini, il carteggio tra il regista e lo scrittore francese che fu presidente di giuria a Cannes nel 1960 quando fu assegnata la Palma d’oro a La dolce vita.

simenon

I libri curati da Federico Fellini: recentemente è uscita la nuova edizione di Il libro dei sogni, a cura di Sergio Toffetti, e si può leggere come un romanzo Il viaggio di G. Mastorna, la sceneggiatura del film mai realizzato dal regista.

due libri fellini 2

Al lavoro per la XXIV Edizione

Si sta lavorando per realizzare anche nel 2018 “Le Vie del cinema”, l’appuntamento annuale con i film restaurati promosso e organizzato dal Comune di Narni, e che vede il coinvolgimento di appassionati e appassionate di cinema e di diverse realtà locali.

La manifestazione Le Vie del Cinema nasce nel 1995 dopo la richiesta di un cittadino narnese per intitolare le vie e le piazze di Narni Scalo ai grandi protagonisti del cinema italiano. Il sindaco di allora, Luigi Annesi decide di rispondere a questa richiesta, e allo stesso tempo di salvare dal degrado due storiche pellicole: ”La presa del potere da parte di Luigi XIV” di Roberto Rossellini e ”Ladri di Biciclette” di Vittorio De Sica. Nel 2005 poi il Comune di Narni ha cofinanziato il restauro di “Sacco e Vanzetti” di Giuliano Montaldo.

la-presa-del-potere-da-parte-di-luigi-xiv

ladridibiciclette

saccoevanz

Da allora, è stata creata una rassegna interamente dedicata al cinema italiano restaurato, che ha permesso alla collettività di godere di un patrimonio culturale prezioso e unico al mondo. Grandi artisti del mondo del cinema, come Ettore Scola, Mario Monicelli, Gigi Proietti, Vincenzo Cerami, Florestano Vancini, Carlo Lizzani, Giovanna Ralli, Francesco Rosi, Luigi Magni, Ferza Ozpetek, Gianni Di Gregorio, Ascanio Celestini, Sergio Rubini, Maurizio Ponzi, Marco e Claudio Risi, Francesca e Cristina Comencini, Gianni Amelio, Giuseppe De Santis, Carlo Verdone, Dario Argento, Nanni Moretti, Stefano Sollima, Ettore Scola, Gigi Proietti, Francesco Rosi, Rocco Papaleo, Tullio kezich Andrea Occhipinti, tanti e tante altre hanno preso parte alla manifestazione diretta dal regista Giuliano Montaldo e successivamente dal critico e storico cinematografico Alberto Crespi.

Dal 2013 lo schermo principale è affiancato da un schermo di dimensioni minori per la proiezione dei film restaurati della ricca collezione Disney, e dall’edizione 2017 Le Vie del Cinema ha ampliato la sua offerta proponendo seminari ed attività pomeridiane per giovani, studenti e appassionati sul tema “Cinema e storia”.

Per mantenere vivo questo faro di cultura e di conoscenza, Le Vie del Cinema ha ora bisogno del supporto di tutti. Il cinema è parte fondamentale del patrimonio storico e culturale non solo nazionale, veicolo di messaggi e insegnamenti utili per la collettività.

Se si vuole contribuire a mantenere viva la memoria del cinema italiano, si può effettuare una donazione sul conto corrente bancario intestato a Comune di Narni Servizio Tesoreria presso Cassa di Risparmio dell’Umbria Filiale di Narni, IBAN IT 40 G 06315 72711 000080000325 – Causale: Sostieni il cinema. Oppure sul conto corrente postale 10253052 intestato alla Tesoreria Comunale di Narni. Causale: Sostieni il cinema.