Cinema e… arte

Al via una nuova rubrica per Le vie del Cinema.

Abbiamo chiesto ai nostri più affezionati collaboratori e amici e alle nostre più affezionate collaboratrici e amiche di raccontarci il rapporto del cinema con i temi a loro maggiormente cari.
Questa settimana abbiamo raccolto la testimonianza di Lorenzo Rubini, Art Advisor.

Quali sono i 3 film italiani del passato che, secondo te, rappresentano al meglio il rapporto tra cinema e ARTE?
La Ricotta, Pier Paolo Pasolini, 1964
Le vacanze intelligenti, Alberto Sordi, 1978
L’ ultimo imperatore, Bernardo Bertolucci, 1987

Perché questi film sono i più rappresentativi nel tema ARTE? Cosa li rende speciali rispetto ad altri film che rappresentano lo stesso argomento?
Cinema e Arte sono da sempre legati e molti sono i registi i quali si sono ispirati, in modo più o meno diretto, ad una figurazione prettamente legata al piano concettuale dell’Opera d’arte.
I tre film citati, il primo è in realtà un cortometraggio, sono tra quelli che a mio parere intrecciano in modo migliore le pratiche e la percezione dei due mondi. Si pongono inoltre perfettamente all’interno di un percorso che parte direttamente dalle opere pittoriche Rinascimentali fino ad arrivare all’Arte concettuale degli anni ’60 e che arriverà a sua volta ad ispirare numerosi artisti contemporanei.

Altro da aggiungere sui film scelti? 
In La Ricotta Pasolini rende viva e contemporanea l’icona pittorica del ‘400 legata alla Crocifissione in modo così sbalorditivo da potersi sicuramente inserire come anello di congiunzione tra gli artisti del passato e quelli contemporanei, prima tra tutti la fotografia di David LaChapelle.
In Le vacanze intelligenti di Sordi (lungometraggio molto conosciuto tra gli addetti ai lavori nel campo dell’Arte Contemporanea) la critica alla svolta estremamente concettuale che aveva preso il contemporaneo in quegli anni è resa in modo comico e allo stesso tempo drammatico. La critica è rivolta non solo all’opera d’arte in sé ma a tutto quel mondo di competenti del ramo che tendevano e tendono ancora oggi a considerarsi una élite.
L’ultimo imperatore è a mio parere legato al mondo dell’arte in modo molto più pratico. Tutto il lavoro certosino che si cela dietro alla preparazione dei costumi, delle scenografie, alla recitazione è estremamente preciso e attento in modo incredibile ai particolari.

2 novembre 2020: 45 anni dalla morte di Pier Paolo Pasolini

Pier Paolo Pasolini decide di diventare regista nel 1960 e nel 1961 gira il suo primo film “Accattone”, l’esordio più folgorante del cinema italiano assieme a “Ossessione” di Visconti e “I pugni in tasca” di Bellocchio.

Pasolini porta il cinema nelle borgate romane, raccontando la parabola di un “Cristo delle periferie”, un protettore di prostitute con il nome di battaglia di Accattone. Franco Citti è il protagonista, i suoi fratelli Sergio (assistente di Pasolini e “garante” della romanità del linguaggio) e Silvio appaiono in piccoli ruoli, così come le scrittrici Elsa Morante e Adele Cambria. Bernardo Bertolucci era l’aiuto-regista.

Il film, restaurato dalla Cineteca Nazionale con il contributo del Centro Studi Pier Paolo Pasolini e della Città di Casarsa della Delizia, è stato proiettato nell’edizione 2008 di Narni. Le vie del Cinema.

Omaggio a PPP

(5 marzo 1922 – 2 novembre 1975). A Pier Paolo Pasolini Narni ha dedicato una piazza e nell’ambito di Le vie del cinema ha presentato nel 2006 la versione restaurata del film Mamma Roma (1962) e nel 2008 la versione restaurata di Accattone (1961), uno degli esordi più folgoranti del cinema italiano.
Dalle parole di PPP. Perché amo il cinema:
“Ho dato varie spiegazioni del perché amo il cinema e sono passato al cinema. Ho voluto adoperare una tecnica diversa spinto dalla mia ossessione espressiva. Ho voluto cambiare lingua abbandonando la lingua italiana, l’italiano; una forma di protesta contro le lingue e contro la società. Ma la vera spiegazione è che io, facendo il cinema, riproduco la realtà, quindi sono immensamente vicino a questo primo linguaggio umano che è l’azione dell’uomo che si rappresenta nella vita e nella realtà. “ – Pier Paolo Pasolini.

– Pier Paolo Pasolini, fotografato da Paolo di Paolo a Roma, in riflessione sulla tomba di Gramsci nel cimitero Acattolico e a Monte dei Cocci nel quartiere Testaccio.