Cinema e… territorio

Roberto Nini, dell’associazione Narni Sotterranea, racconta i film più aderenti al tema del rapporto con il TERRITORIO.

Quali sono i 3 film del passato (possibilmente italiani) che, secondo te, rappresentano al meglio il rapporto tra cinema e TERRITORIO?

Galileo, Liliana Cavani, 1968

Giordano Bruno, Giuliano Montaldo, 1973

Il nome della rosa, Jean-Jacques Annaud, 1986

Aggiungerei anche un quarto e poco noto film ma di estremo interesse storico:

Gostanza da Libbiano, Paolo Benvenuti, 2000

Perché questi film sono i più rappresentativi nel tema del rapporto col TERRITORIO? Cosa li rende speciali rispetto ad altri film che rappresentano lo stesso argomento?

Sono stati scelti questi film perché l’attività della nostra Associazione si è concentrata, da alcuni anni, nel cercare la documentazione d’archivio che facesse luce sull’inquisizione italiana e in particolare quella umbra.

L’attività principale che svolgiamo è infatti la tutela e la valorizzazione del ricco patrimonio sotterraneo narnese, che annovera tra i luoghi più suggestivi anche le segrete del Sant’Uffizio, con la “Stanza dei Tormenti” e le carceri con i graffiti lasciati dai reclusi in attesa di giudizio. Ricostruire accuratamente la storia di quei luoghi è da sempre stato il nostro obiettivo e questi film ci aiutano nel farlo, mettono in luce un determinato momento storico.

Altro da aggiungere sui film scelti?

Pur essendo film diversi fra loro, il tema principale è appunto la presenza dell’inquisizione. Dal punto di vista cinematografico, quindi guardando la fotografia, la sceneggiatura e l’accuratezza storica, il mio preferito è Il nome della rosa, tratto dal romanzo di Umberto Eco. Molto probabilmente è anche il film che ha goduto di una maggiore disponibilità di mezzi ed ha un cast di tutto riguardo.

Credo che siano tutti film da vedere perché indubbiamente il nostro territorio è stato influenzato e modellato nel periodo medioevale e l’inquisizione ha avuto una grande influenza in tutto ciò.

24 luglio Il portiere di notte

24 LUGLIO 2019 IL PORTIERE DI NOTTE 1972 / LILIANA CAVANIthe-night-porter-il-portiere-di-notte-vintage-movie-poster-original-italian-4-foglio-55x78-6510

Presenterà il film la scrittrice Valeria Viganò

Lucia Altherton, sposata ad un musicista americano ed ex deportata ebrea, giunge nel 1957 in un albergo viennese, dove svolge mansioni di portiere di notte Max Altdorfer, suo aguzzino nei campi di sterminio. L’incontro scatena nella prima tragici ricordi, nel secondo ossessioni mai sopite. Sapendo che la donna è una teste per lui pericolosa, Max si licenzia e si barrica con lei nel suo appartamento.
Il restauro è stato realizzato in collaborazione dal Centro Sperimentale di Cinematografia-Cineteca Nazionale e dall’Istituto Luce-Cinecittà.

Curiosità dal set:
La regista Liliana Cavani ha realizzato il film dopo aver girato per la RAI diversi documentari sulle vittime dei lager. Sceneggiato con Italo Moscati, e con le musiche dal Flauto magico di W. A. Mozart.

22 > 27 luglio Cinema + Storia a Narni

Dal 1995 Le vie del cinema sono un viaggio nella storia dell’Italia attraverso i capolavori del cinema. Anche la XXV edizione, che si svolgerà dal 22 al 27 luglio 2019, terrà viva la memoria dell’arte cinematografica proponendo sei film restaurati che ripercorrono la storia d’Italia e d’Europa. É un percorso parallelo al progetto European History Moving che cerca di rafforzare il sentimento di appartenenza all’Europa attraverso l’arte e la cultura. Attraverso le loro opere restaurate, i registi che  daranno vita alla manifestazione di quest’anno saranno, in ordine alfabetico: Liliana Cavani, Giuseppe De Santis, Luigi Maggi, Mario Mattoli, Alberto Sordi, Luigi Borgnetto, Paolo e Vittorio Taviani.

registi-2019

I restauri a Venezia 75

VENEZIA PER I CLASSICI RESTAURATI

“Venezia Classici” è la sezione che dal 2012 presenta alla Mostra del cinema, in anteprima mondiale con crescente successo, una selezione dei migliori restauri di film classici realizzati nel corso dell’ultimo anno da cineteche, istituzioni culturali e produzioni di tutto il mondo.

poster75

ALCUNI DEI CAPOLAVORI DI VENEZIA 75

Tra i diversi capolavori restaurati saranno presentati: La notte di San Lorenzo (1982) di Paolo e Vittorio Taviani, Il posto (1961) di Ermanno Olmi, Il portiere di notte (1974) di Liliana Cavani.

sanlorenzook
il-posto-locandina-low
the-night-porter-il-portiere-di-notte-vintage-movie-poster-original-italian-4-foglio-55x78-6510

A NARNI SI PROMUOVE LA CULTURA DEL RESTAURO DA 24 ANNI

La proiezione di film restaurati è ormai diventata una “necessità” di tutti i maggiori festival di cinema, in Italia e non solo. “Narni, le vie del cinema” è la manifestazione che, tra le prime, è interamente dedicata alla presentazione al grande pubblico dei capolavori dell’arte cinematografica sottratti al degrado.